Pubblicato da: donalduck2008 | luglio 24, 2008

Toronto come sembra

Mi sono appena reso conto che dopo venti giorni di permanenza ho scritto solo due post su Toronto. Probabilmente sono stato assorbito da eventi di svariata natura (…), nonche’ dalla scuola, che con le sue sei ore giornaliere si sta facendo pesante. Nonostante l’eccellenza dell’istruzione impartita, non posso che vedere di buon grado il fatto di essere ormai arrivato all’ultima settimana di corso (la prossima) – il che non significa affatto che veda di buon grado il fatto di tornare in Italia, idea ben lungi dall’essere digerita. L’unica prospettiva piacevole in questo e’ la mia supposta discesa a Diamante giusto un paio di giorni dopo l’arrivo, luogo dove potro’ temperare il mio umore, che (se mi conosco bene) sara’ sicuramente dei peggiori.

Ad ogni modo, se dovessi dire qualcosa di curioso su Toronto, direi che funziona come un orologio. Sono tre settimane che prendo il tram, e sono tre settimane che alla fermata incontro sempre le stesse persone: due donne e un uomo. Se arrivando alla fermata non vedo, in lontananza, i miei tre amiconi, posso essere certo di aver perso il tram. Dico “perso” come se stessi parlando di un treno o di un aereo, perche’ qui il tram spacca il minuto.
Questa cosa della puntuale ripetitivita’ quotidiana, ancorche’ piuttosto noiosa, e’ utilissima per chi, come me, non possiede un orologio (e attualmente nemmeno un cellulare). In un certo senso potrei anche fare a meno di guardare il numero del tram: ce ne sono due che vanno in direzione della mia scuola, e se quando salgo mi trovo seduta “lady book” vuol dire che sto sul 503, se invece ad una certa fermata sale “la sbavona” vuol dire che sto sul 502.
Lady book e’ una tizia che legge un libro con cipiglio serioso e molto compresa di se’. Accanto a lei non e’ seduto nessuno (non c’e’ un motivo preciso: e’ semplicemente sempre cosi’), quindi quello e’ il mio posto. Posso seguire esattamente i progressi giornalieri della sua lettura, e devo dire che non va molto spedita. La sbavona e’ una signora con le stampelle e una tuta grigia, che sale con una scatoletta in mano, la apre, ne beve il contenuto leccando il bordo e succhiandosi le dita, e poi rimette il tutto nella borsa.

Quando scendo dal tram, se sono in orario, incrocio una fiumana di incerta provenienza (presumo stazione della metro), all’interno della quale riconosco quotidianamente alcune facce. Se la fiumana si trova all’inizio della via, vuol dire che sono in ritardo. Sono in orario quando la incrocio pochi metri dopo il palazzo della mia scuola.

Le strade sono tutte rettilinei. La metropolitana ha direzione Nord, Sud, Est, Ovest. In realta’ non esiste un “ingresso della metro” in senso propriamente detto, perche’ l’intero sottosuolo del centro della citta’ e’ un immenso labirinto (chiamato Path) con uscite nel basament dei piu’ grandi palazzi, percio’ da qualsiasi punto si puo’ arrivare alla metropolitana. E’ nel Path che gli abitanti si rifugiano durante i lunghi inverni, per nutrirsi, fare shopping e socializzare. Tanto e’ il contrasto fra vita da talpa e vita alla luce del sole, che usano chiamare la bella stagione “stagione dei patio”, perche’ la gente puo’ socializzare nei patio dei locali all’aperto anziche’ rintanarsi nei cunicoli del sottosuolo.

Ed ecco che diluvia di nuovo! Ma chi ha detto che a Toronto a luglio si crepa di caldo? Immagino che stanotte dormiro’ di nuovo col piumone…

Annunci

Responses

  1. ciao,
    posso chiederti a che scuola vai?
    giusto che in questo periodo siamo nella stessa citta’ 🙂

  2. Vai qui 😀

    https://viaggioinamerica.wordpress.com/2008/07/07/pli-english-school-toronto/

  3. bello il tuo blog. mi piace!…sono tornata da qualche mese dagli States, precisamente da Providence, e ora leggo sul tuo blog che sei stato al dipartimento di studi italiani della Brown, che io ho cercato per giorni e non ho trovato. mi sono sentita impedita. puoi dirmi dov’è?! io credevo di averlo trovato, era una casa (su waterman st, credo!), ma era tutto chiuso! spero tu mi risponda prima del mio ritorno in New England! ciao e complimenti!

  4. ops! ho appena notato che il tuo post è del 2008!…..é_é


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: